martedì 25 luglio 2017

Gli agostani

"Prontooooo? Prontooooo?"
"La sento forte e chiaro, prego, mi dica!"
Fine luglio. Il telefono è incandescente. La linea però, come sempre qui tra i boschi, rimane pessima.
"Avreste una camera per il 4-5 agosto?"
"Sì, abbiamo un'ultima disponibil..."
"Perfetto!! Allora confermiamo", mi interrompe entusiasta l'interlocutore.
"Un attimo, per favore, mi ascolti..." cerco di interloquire.
"Ecco, allora, siamo una coppia, arriviamo verso le 18, preferiremmo una camera vista mare, fate la colazione? Fate la cena? C'è la doccia o la vasca? Quanto dista il mare? Avete la piscina?"
La gioia dell'aspirante vacanziero trabocca. Ha trovato posto, in agosto, in una bella struttura non distante dal mare, a un prezzo accettabile. Solo che... Ho come la sensazione che forse non abbia letto fino in fondo la descrizione della mia Locanda.
"Senta, scusi, lei è il benvenuto, ovviamente, la aspettiamo, ma conosce già la nostra Locanda?"
"No, veramente no..."
E qui devo spiegargli che troverà niente di meno che... gente NUDA!
Aspetto questo momento con trepidazione. Non so mai come reagirà l'interlocutore. La maggior parte delle volte, cercherà di fare l'uomo di mondo:
"Ah, va beh... Ho capito..."
"Quindi se c'è qualche problema, forse è meglio che cerchi un'altra soluzione. Non la vorrei mettere in imbarazzo."
"No, no, che problema... Si figuri... Persone nude... E che sarà mai? Assolutamente..."
"Allora confermo?"
"...sa che cosa, però? Ne parlo con mia moglie. Per me nessun problema, ripeto, però magari lei... Chi lo sa..."
"Bene - approvo, comprensiva - allora facciamo così, se è ancora interessato mi richiama a breve, d'accordo?"
Ovviamente, la telefonata di conferma non arriva mai.
O quasi mai.
Perché una volta, inaspettatamente, è arrivata.
Una voce esterrefatta mi dice: "Dunque sì, confermo... Alla mia compagna va benissimo... Non so come mai... Anzi, le dirò: penso di aver scoperto qualcosa di lei che ancora non sapevo!"
I due si sono goduti una splendida vacanza di tre settimane, ospiti da noi. E noi li ricordiamo ancora, a distanza di un paio d'anni, per la loro serena gioia di vivere. Come coloro che non hanno paura di accettarsi per così come sono.

1 commento:

  1. fantastico Barbara, e anche molto interessante per racconta la possibilità delle strutture "miste" dove, come nelle spiagge, si può convivere tra nudi e mutandati. E' un aspetto che ci interessa molto qui in Sardegna, perché stiamo lavorando a creare una rete di spiagge naturiste autorizzate intorno alle quali attivare strutture ricettive che ci piacerebbe fossero "miste". Grazie per le tue sempre preziose e concrete testimonianze, un abbraccio, Sergio Cossu - Sardegna Naturista

    RispondiElimina